La chimica delle erbe

Logo Progetto
Progetto Miur
salta la navigazione e vai al contenuto
Ti trovi in: Home page > Metodi di separazione

Metodi di separazione

Esistono molte tecniche per praticare l’estrazione di una droga: estrazione con solvente, estrazione con fluidi supercritici, distillazione, infusione, decozione, enfleurage, macerazione e percolazione.

-L’estrazione con solvente, prevede la lenta diffusione, all’interno del materiale vegetale, di un solvente (acqua, etanolo, miscele di liquidi organici a diversa polarità), in cui i principi attivi da estrarre siano solubili, ricordando che il simile scioglie il simile. Essiccamento, frantumazione o triturazione, facilitano la penetrazione del solvente attraverso la parete vegetale di cellule ormai non più integre ed accelerano quindi la velocità del processo di estrazione. I solventi più adatti alle preparazioni erboristiche sono: acqua ( Il solvente per eccellenza), alcool, olio vegetale, vino, aceto, glicerina e glicole propilenico.

-L’estrazione con fluidi supercritici è una tecnica molto importante, che utilizza come solvente appunto fluidi supercritici, ad esempio l’anidride carbonica allo stato supercritico si presenta come un solvente non polare e viene impiegato per l’estrazione di composti non polari dalle droghe, processo utilizzato per estrarre caffeina dalle foglie di tè.

-La distillazione è utilizzata per estrarre i principi attivi volatili da una droga vegetale. Si applica la droga su setacci attraverso i quali passano vapori di acqua o di un altro solvente in modo tale, che il vapore che passa attraverso la droga, estrae dalla stessa le componenti volatili, poi questo vapore viene condensato in un altro recipiente.

-L’infusione si applica versando acqua bollente sulla droga secca e tenendola a contatto con questa per alcuni minuti. Questa tecnica è utilizzata principalmente con droghe costituite da infiorescenze e contenenti principi attivi termolabili.

La decozione, che può risultare simile all’infusione, consiste nel immergere la droga in acqua fredda, che viene portata all’ebollizione e mantenuta in tale stato per un tempo variabile di circa 5-30 minuti.

ALTRI METODI DI SEPARAZIONE:

L’enfleurage: è il processo di assorbimento delle sostanze volatili di fiori e droghe delicate, su grasso solido. Ad assorbimento avvenuto l’essenza viene poi estratta dal grasso con solventi opportuni. I petali sono disposti a formare un sottile strato su una pellicola di grasso animale, sparso su una lastra di vetro, chiamato telaio. Trascorse 24 o 48 ore si tolgono i petali, questa operazione viene ripetuta molte volte, fino alla saturazione. Finito l’enfleurage, si raschia lo strato di grasso ottenendo una sorta di pomata impregnata di profumo. Questa pomata viene poi lavata con alcol etilico per ottenere infusioni.

Creazione: 16/06/2014 - Ultima modifica: 17/06/2014
URL: http://www.mused.uniroma1.it/index.php?p=utente/lezioni
Pagina web realizzata con il software di generazione automatica di siti usabili e accessibili ASD 2.

XHTML validato! CSS validato!